venerdì 31 ottobre 2014

31 ottobre 1944

Ultimato anche questo mese 14° di prigionia senza una conclusione della guerra. Dove lo faremo il S. Natale? Saremo ancora in queste condizioni. Non riesco a convincermi. Nel nuovo arrivo dei pacchi ne son giunti 6 per la combriccola e fortunatamente tutti viveri così con l’aumento di 6 kg e 600 grammi avuti in distribuzione il sacco si riempie. All’altro campo han dato 1 e 600 a testa e non è ancora terminata. Ottimo risotto col componente tavolo 10 di Kleve. Ieri sera ricordi di torta di patate aimè come condimento solo 4 cucchiai di olio e 1 scatola di carne e c’erano circa 6 kg di patate. Tempo pessimo pioggia continua e fango, umidità e freddo. Quando abbandoneremo per sempre questi selvaggi paesaggi da cruchi o meglio lupi della Siberia? Ricomincio il lavoro di pellicceria. Giubbotto per il Tenente Bernini di Firenze del Battaglione Verona. Guadagno così un po’ di tabacco che convertiremo in qualcosa di più utile.

domenica 26 ottobre 2014

26 ottobre 1944

Ancora nulla di notevole da segnalare per noi. Notizie sempre buone ma nulla di conclusivo. Si tira avanti giocando a bocce e con un gavettino di riso in sei al giorno. Almeno durasse sempre. Giunto del riso dall’Italia. Quante discussioni siam sempre in tutto e per tutto Italiani egoisti. Memorande partite a carte con Morandini. Ottime discussioni e propositi di serio lavoro quando saremo di nuovo alle nostre case col buon e sempre ottimo Pedrini Angiolino. Suo sogno di nostra vita da Partigiani contro i cruchi in quel di Val Grande e Val Trompia con soldati e muli della 53° Malintesa. Bezzi e Salan avuto un pacco, per noi nulla siccome non siamo giovani del campo ci tratta malissimo cameratismo. W l’Italia. Un grano di frumento per un solco. Raddoppiato 64 volte allegher.

mercoledì 22 ottobre 2014

22 ottobre 1944

Penultima domenica di ottobre Festa missionaria. Non mi resta che offrire per queste, date le mie condizioni, che la preghiera e le mie sofferenze e privazioni. Inviata a Giuseppe una lettera. Ascoltare solo me è Iddio. Giunti posta e pacchi per me nulla, 2 pacchi per Gianni uno per Tognù. Che sian tutti viveri così la società potrà tirar avanti discretamente bene. Giornata grigia e freddissima tipo giorni della merla da noi. Notizie discrete sempre ma nulla di sostanzialmente conclusivo. Appello di Hitler, dai 16 ai 60 alle armi, non c’è male. Ottimo discorso per la prossima pace fatto dal Sommo Pontefice. Almeno i governanti lo ascoltassero e ne prendessero lo spunto per le trattative di pace. Solo così si potrebbe arrivare alla vera pace di tutti i popoli di tutto il mondo. Allarme aereo tanto per cambiare. Povera Germania come è conciata; ed ancora hanno il coraggio di continuare la guerra. Tornano i dolori alle ginocchia e alla schiena dolci regali e ricordi della vita odierna e di mamma naia. Inviata una lettera al Capitano Buttura che a mezzo Salan so che si trova nel campo di Wissendarw.

sabato 18 ottobre 2014

18 ottobre 1944

Giunta posta e pacchi ma per me ancora nulla. Tutto ciò per me è proprio un arcaismo. Certissima ormai anche la capitolazione dell’Ungheria. Una sua armata combatte già a fianco dei Russi. Dalli dalli verrà un giorno in cui sarà stanca di prenderle la signora Germania. E quello sarà la nostra liberazione.

giovedì 16 ottobre 2014

16 ottobre 1944

Grandi discussioni per i viveri in arrivo fra ufficiali anziani di questo campo e noi di Oberlangen. Mi auguro che rientrando in Italia per quanto riguarda naia tutto proceda secondo i pareri di Bezzi di Ponte di Legno e cioè: arrivo contumacia (15 gg) licenza di convalescenza con paga regolare di stipendio di due o tre mesi presentazione ai depositi o distretti regolarizzazione pratiche e paga di prigionia indi immediato congedo esclusi i volontari. Non sarò certamente fra questi. Ottimo il romanzo di A. Fogazzaro, “Piccolo mondo antico”. Ottime notizie militari soprattutto da come procedono le operazioni in Ungheria.

lunedì 13 ottobre 2014

13 ottobre 1944

Giunti 2 pacchi ottimi sotto ogni aspetto a Erme così il morale della società si solleva. Discussione con Gianni riguardo ai suoi fratelli Lino e Piera. Non mi auguro nei loro panni in tali momenti. Il campo di massima è pessimista. Comunque alla fine io spero sempre in meglio e presto con massima fede in questo mese del S. Rosario che la provvidenza ottenga da Signore la grazia della pace giusta e tanto auspicata. Avran così termine anche i terribili bombardamenti di distruzione. Giunta anche posta ma per me nulla. Quando arriverà? Ora la desidero più d’ogni cosa. Ricordi di commercio malandato inerente a pantaloni e giacca a vento. Domani compleanno sorella Caterina ascolterò in sua grazia una S. Messa. Giunti prigionieri polacchi a loro immediatamente son stati distribuiti i pacchi della C. R. internazionale e quindi commercio con noi per sigarette. Il campo diventa così più che internazionale. Italiani, Francesi, Serbi, Russi, Polacchi e Rumeni, nientemeno che le 6 maggiori potenze d’Europa mancan solo gli Inglesi.

venerdì 10 ottobre 2014

10 ottobre 1944

Nulla di notevole all’infuori della distribuzione (dopo tante discussioni) di ben 18 formaggini e 8 gallette e ½ a testa, è promessa anche 1 scatola di latte condensato e ¾. Vedremo. Dopo 13 mesi è la prima volta che qualcuno del mondo si ricorda di noi. Tiriamo avanti con riso quasi melanconico è una fortuna che abbiamo abbondanti patate alla mano così combiniamo discrete minestre almeno per densità. Non regna tanta armonia nella nostra combriccola interna. Tutti lodano solo il proprio avere. Continua tempo cattivo. Tognù un altro pacco, ottimo. Giunta posta, ma per me ancora nulla. Inviata una lettera a Bice e partita con le cartoline scritte antecedentemente.